BLOG

 

Bruxelles indaga sui pannelli solari

La Commissione europea indaga sull’import di pannelli solari provenienti da Taiwan e Malesia. Il sospetto è che si tratti in realtà di prodotti made in China. “Pechino aggira le misureantidumping. Per l’Ue danni per un miliardo”

pannelli solari (1)

L’apertura dell’inchiesta, arrivata appunto dopo l’esame della denuncia presentata dalle imprese europee, rischia di riaccendere il clima su un tema sul quale Unione Europea e Cina si sono già scontrate più volte. Soddisfatta dell’avvio dell’indagine EU ProSun, l’organizzazione che rappresenta l’80% della produzione di pannelli ‘made in Europe’. “I produttori cinesi del solare aggirano le misure antidumping dell’Ue prima esportando in Paesi terzi, come Malesia e Taiwan, poi falsificando la loro vera origine” commenta Milan Nitzschke, presidente di EU ProSun.

“Questo tipo di manovra è una frode per i consumatori e va fermata” avverte Nitzschke. L’industria europea del solare si considera “seriamente danneggiata” da quella che ritiene una “frode massiccia” e secondo le stime di EU ProSun la stima del danno per gli europei è di circa un miliardo di mancati pagamenti di dazi e nel secondo di 500 milioni di euro rispetto alla tariffa concordata.